L’escursione del mese

La via del ghiaccio, le neviere di Taggia

domenica 9 dicembre 2018

A dicembre propongo un’escursione storia-arte-natura i cui “punti forti” sono le nevèie, piccoli capolavori di archeologia industriale, un ambiente naturale straordinariamente vario e lo splendido centro storico di Taggia.

Cosa sono le nevèie? La “piccola età glaciale” fu un periodo della storia climatica della Terra, iniziato nel XV secolo, in cui si registrò un brusco abbassamento delle temperature, con conseguenze anche drammatiche in tutto l’emisfero settentrionale. Gli inverni continuarono ad essere particolarmente lunghi e rigidi fino al 1.800, tanto che la neve e il ghiaccio si potevano conservare sino all’estate successiva grazie ad appositi ambienti interrati chiamati “neviere”. Ovvero ampi pozzi conici, con muri a secco impermeabilizzati a calce, dotati di una scala a chiocciola discendente lungo la parete interna e di un canale di scolo. Dopo essere stata introdotta in queste cavità, la neve veniva ben compressa e coperta con fogliame secco al fine di essere mantenuta il più a lungo possibile. In estate, i blocchi di neve ghiacciata venivano trasportati a valle e utilizzati per la conservazione degli alimenti, dando anche origine, localmente, ad una pregiata tradizione di gelateria. In Valle Argentina sono presenti due esempi: la “Nevèia Albaréo” e la “Nevèia Grande” che si presentano in perfetto stato di conservazione e che sono collocate all’interno di uno splendido percorso escursionistico, interessato sia dal Sentiero Liguria che dal Sentiero Balcone.

Neviera-gramde-leggera.2

Lungo il “Cammino del ghiaccio di Taggia” è ancora possibile ammirare tratti dell’antica mulattiera lastricata che permetteva di raggiungere le neviere, immergendosi prima fra le terrazze di ulivi e poi nella più tipica macchia mediterranea, caratterizzata da lecci, eriche arboree e corbezzoli, fino a raggiungere il bosco mesofilo alla quota delle neviere.

Il percorso ha inizio dal Vallone S. Lucia, dove il centro storico di Taggia culmina nel tipico sagrato in ciottoli antistante la Chiesa e il Convento dei Domenicani (XV sec.), celebre per la sua pinacoteca.

8

Con un breve tratto asfaltato si supera il viadotto autostradale e si raggiunge l’attacco della mulattiera che, attraverso belle terrazze di ulivi, testimoni dell’ancor forte vocazione agricola della Valle, conduce alla Neviera Albaréo (498m slm). Proseguendo sulla strada sterrata si raggiunge la località Entrà e il tratto più suggestivo e meglio conservato dell’antica mulattiera che risale il Monte Nevèia, conduce alla Neviera Grande, quota massima del tracciato (840m slm), e va poi a formare un ampio anello che tocca punti altamente panoramici.

FUORI PROGRAMMA

Per chi lo desidera è possibile, a fine escursione, una visita al Convento dei Domenicani, che rappresenta, con la sua straordinaria pinacoteca, uno dei passaggi più significativi della Via della Costa in Provincia di Imperia.

CARATTERISTICHE TECNICHE DEL PERCORSO

Circuito parzialmente ad anello – Difficoltà E (escursionistico), mediamente impegnativo – Dislivello + 850 m. c.ca – Sviluppo km 14 c.ca – Tempo di percorrenza 5 ore

È BENE SAPERE CHE

Il tracciato presenta tratti boschivi coperti da una spessa coltre di foglie che potrebbe risultare scivolosa, consigliati i bastoncini da trekking.

IMPORTANTE

Sono indispensabili: scarponi o scarponcini e calze da trekking, giacca antivento/antipioggia, zainetto confortevole, abbigliamento comodo e multistrato per garantirsi condizioni di comfort anche in presenza di cambiamenti improvvisi delle condizioni meteo, acqua da bere.

RITROVO

Ore 8:00 – Oneglia/posteggio del Pastificio Agnesi per compattamento auto
Ore 8:45 – Taggia/Piazza Eroi/inizio escursione

COSTI DI PARTECIPAZIONE

  • adulti € 10,00
  • gli under 18 sono ammessi se accompagnati da un adulto e la loro partecipazione è gratuita
  • ingresso facoltativo al Convento (chiostro, chiesa, pinacoteca) € 5,00
  • avvicinamento con mezzi propri
  • pranzo al sacco a cura dei partecipanti
  • amo gli animali e accetto volentieri i cani (educati e non rissosi), ma ho necessità di essere informata preventivamente della loro presenza

INFO E PRENOTAZIONI

Marina Pissarello – cellulare e WhatsApp + 39.347.1107301

Il programma potrebbe essere modificato, anche in corso di svolgimento, per motivi di opportunità o di forza maggiore.

Annunci